Area Riservata
METEO Albenga

La storia

Albenga è una delle tre città preromaniche della Riviera di Ponente, il suo centro storico è tra i maggiori della Liguria Occidentale.

sec. VI – IV a.c.
Nascita di Albium Ingaunum capitale dei Liguri Ingauni, il cui territorio si estende da Finale a Sanremo, tra quello degli Intemelii, a Ponente, e quello dei Sabates, a Levante.

sec. III a.c.
Albium Ingaunum si allea con Cartagine contro Roma e le città alleate, Genova e Marsiglia, ed offre rifugio a Magone, fratello di Annibale, nel corso della seconda Guerra Punica.

sec. II – I a.c.
Nel 181 a.a. avviene la sottomissione definitiva a Roma da parte del proconsole L. Emilio Paolo. Intorno al 90 a.c. viene fondata la vera e propria città romana di Albingaunum, secondo il tradizionale schema planimetrico del castrum. Il nuova municipium ha un territorio che va da Finale a Sanremo fino a Ceva e Mondovì. Nel 13 a.c. Albingaunum diventa importante nodo itinerario verso la Gallia con l’apertura della nuova via Julia Augusta

sec. II – III d.c.
Avviene la prima vera espansione urbanistica della città con l’abbatttimento delle antiche mura repubblicane e la costruzione di importanti edifici sia privati sia pubblici.

sec. V d.c.
La città viene invasa e saccheggiata ripetutamente dai Goti e dai Vandali.
Nel 417 d.c. Costanzo, generale di Onorio avvia la ricostruzione delle mura e da vita ad una ristrutturazione urbanistica che condizionerà l’immagine cittadina nei secoli futuri.

sec. VI – VII d.c.
La città sotto l’amministrazione bizantina resiste a lungo alla pressione dei Longobardi. Nel 641 d.c. per mano di Rotari cade e viene nominata capitale del comitatus riprendendo i confini dell’antico municipium romano.

sec. X – XI d.c.
Passato il pericolo dei Saraceni, la città si riprende e viene inserita nella Marca Arduinica, assegnata al marchese Arduino III Glabirione. Successivamente passata sotto il dominio della contessa Adelaide di Susa, ed in seguito ai discendenti aleramici, si vanno consolidando importanti legami con il Cuneese e con i territori delle Alpi Occidentali.
Nel 1098 Albingana partecipa alla Prima Crociata in Terrasanta, fregiandosi dello stemma con la croce rossa in campo d’oro.
Nel 1159 la città riceve l’investitura imperiale da Federico Barbarossa.

sec. XII d.c.
Si inaspriscono i rapporti con Genova e Albenga si allea con Pisa insieme agli altri comuni di fede ghibellina; la morte dell’imperatore, però pone fine alle alleanze consentendo alla Superba di estendere il proprio potere sulle città nemiche.
Nel 1179 viene stipulata la prima convenzione con Genova.
Nel 1199 viene stipulata la seconda convenzione che progressivamente limita l’autonomia commerciale del comune ligure.

sec. XIII d.c.
Periodo di grande attività edilizia con la costruzione di numerose torri e l’ampliamento della cattedrale. Intorno al 1250 il Centa in occasione di una ennesima piena e, secondo alcuni storiografi per mano genovese, cambia il proprio corso allagando l’abitato; nel giro di pochi decenni il porto scompare, interrato dai sedimenti e viene accelerato il processo di allontanamento dalla linea di costa. Si inaspriscono i conflitti con i marchesati limitrofi e l’amministrazione cittadina avvia la costruzione di borghi fortificati nei punti strategici dei propri domini.
Nel 1251 ultima convenzione con Genova: ad Albenga viene vietato il libero commercio marittimo e Genova acquisisce il diritto di intervenire direttamente nell’amministrazione della città.

sec. XIV – XVII d.c.
Albenga è completamente sotto il controllo di Genova. La flessione demografica e la diminuzione del suo potere rendono la città preda delle mire espansionistiche dei Del Carretto di Finale, i Visconti, Carlo VI re di Francia e le invasioni di susseguono lasciando dietro di loro lutti e distruzione.
Nel 1795 invasione napoleonica con il definitivo declino della aristocrazia urbana.
Nel 1798 Albenga capoluogo della Giurisdizione del Centa nella Repubblica Democratica Ligure.
Nel 1800 gli Austro-sardi rioccupano per breve tempo la città che viene però subito ripresa dai Francesi ed annessa all’Impero come capoluogo del cantone del dipartimento di Montenotte.
Nel 1814 definitiva conquista savoiarda. Albenga è capoluogo della provincia con territorio da Andora a Finale.
Nel 1863 con l’unità d’Italia la provincia ingauna viene ridotta a circondario.
Nel 1927 Albenga è annessa alla provincia di Savona.

Facebook